Stop al freddo!

Un pomeriggio con Daniele De Bartolomei

che fa installazione e manutenzione di caldaie, scaldabagni a gas e climatizzatori

Consigli pratici per mantenere calda la casa

Gennaio 2018 sarà il mese più freddo di sempre, lo dicono gli esperti metereologici. Dopo un’estate con temperature torride, ci aspetta un inverno molto rigido. Ecco perché serve proteggere al meglio la propria casa, sfruttando alcuni piccoli ma preziosi consigli dell’esperto.

Daniele De Bartolomei è nel campo della termoidraulica da oltre trent’anni. Lavora da sempre nel Trieste-Salario e nella zona di Roma Nord e conosce alla perfezione i problemi più comuni per gli abitanti del quartiere. Daniele è un punto di riferimento per chi cerca un tecnico manutentore e installatore certificato. Ed è anche rivenditore di caldaie e condizionatori.

Basta una chiamata al suo numero di cellulare e Daniele sarà disponibile a risolvere tanti dubbi e problemi legati al clima in casa (Tel. 348 3328485).

Spesso ci troviamo di fronte a case non coibentate, o non correttamente coibentate. Infissi non più nuovi, senza doppi vetri. Pavimenti in marmo. Pareti con spessori minimi. Per combattere il freddo allora serve un’idea in più e un po’ di esperienza.”

Chiediamo a Daniele qualche consiglio sulla base della sua lunga esperienza.

A partire proprio dalla caldaia: la manutenzione come e quando effettuarla?

“Il mio motto è essere regolari per evitare grosse riparazioni causate dall’incuria. Quindi consiglio di effettuare la manutenzione a cura di un tecnico abilitato una volta all’anno, come previsto dalla legge. Ottimo è farla due volte all’anno: una volta prima dell’inizio della stagione, e una alla fine per pulirla.”

In cosa consiste la pulizia?

“Per legge va trattata l’acqua con filtri anticalcare e possono essere messi dei defangatori magnetici per pulire le caldaie a condensazione.”

Come rendere efficiente l’impianto e quindi spendere meno in bolletta?

“Va fatto un check-up. La pulizia è fondamentale per il circuito termico (i termosifoni). Viene effettuata con prodotti disincrostanti e defanganti. Perché anche l’impianto va lavato! Tolte le impurità viene passato un liquido che crea una sorta di film lungo le tubature dei termosifoni per evitare che si creino ferrite e residui di combustione.”

Se si rompe la caldaia, quale scegliere?

“Il tecnico abilitato e iscritto all’albo degli installatori farà un sopralluogo dell’abitazione e valuterà quella più adatta. Le caldaie a condensazione sono di nuova tecnologia e prendono il posto delle caldaie a camera stagna, che per legge non vengono più vendute. Le nuove caldaie a condensazione sono ad alto rendimento, consumano meno e inquinano meno. Insomma, fanno risparmiare qualcosa a fine anno.”

Se l’acqua calda arriva in modo discontinuo o non arriva in tutta la casa in modo uniforme?

“Spesso accade che in doccia arrivi acqua calda senza problemi mentre in cucina arriva poco o male. In questi casi le ragioni sono molteplici. È più frequente che sia colpa della rubinetteria, o del filtro sporco sotto al lavello, o di uno degli attacchi che presenta residui di calcio. Il tecnico abilitato saprà individuare il problema e indicherà la soluzione.”

Cosa consigli, in questo specifico campo, a chi ristruttura casa?

“L’importante è dimensionare l’impianto. L’installatore sceglierà con perizia diametro delle tubazioni e lunghezza. E userà anche la caldaia o lo scaldabagno dimensionati sulla base dell’abitazione. Per esempio per un bagno e cucina ne sarà necessario uno da 14 litri, per 2 bagni e cucina ne servirà uno da 17 litri. Dimensionare l’impianto in fase progettuale, cioè evitare tratti troppo lunghi, o tanti gomiti (un gomito corrisponde a un metro in più) e usare rubinetteria di nuova tecnologia.”

Efficienza e termosifoni. Come scaldare la casa senza spendere troppo?

“Oltre alla pulizia e agli impianti dimensionati, consiglio: caldaie a condensazione con gas combusti che vengono espulsi all’esterno. Caloriferi buoni (in alluminio o acciaio). Valvole termostatiche su ogni termosifone. E infine, è importante il cronotermostato con 2 livelli di temperatura. Una “temperatura comfort” da tenere quando si è in casa (in genere 22°C), e una “economy” per quando si è fuori casa (14°C/15°C) e che si accende in automatico se nell’abitazione si scende al di sotto della temperatura stabilita.”

L’estate adesso sembra lontanissima, ma tornerà.

Come scegliere il condizionatore giusto? A chi affidarsi per la scelta?

Meglio installare quelli con i nuovi gas refrigeranti e affidarsi a un tecnico abilitato. Daniele De Bartolomei rilascia dichiarazione di conformità, è FGAS Abilitato (cioè può trattare questi gas) ed è anche rivenditore.

Tel. 348 3328485