12 fatti per 12 mesi

 

12 fatti per 12 mesi nel Trieste-Salario

1 gennaio 2017

L’anno si apre nella paura per alcuni cittadini del quartiere Africano. Proprio nel mezzo della notte di Capodanno, i festeggiamenti sono bruscamente interrotti dallo scoppio di un incendio.  Alcune strutture in legno su due terrazzi di via dei Galla e Sidama 49 prendono fuoco, probabilmente a causa della caduta di un petardo artigianale lanciato da un palazzo vicino. Le fiamme si propagano rapidamente dentro un appartamento, fortunatamente vuoto. Il primo intervento è quello di una vicina che ha la prontezza di usare un tubo dell’acqua per tentare di impedire ulteriori danni. L’arrivo dei vigili del fuoco, allertati dai pochi condomini presenti nel palazzo, impedisce il peggio.

7 febbraio 2017

Una tragedia sconvolge via Nomentana. Il 79enne Arnaldo Cantani, residente nel quartiere Trieste-Salario, muore dopo esser stato investito da un autobus della linea 82 all’altezza dell’attraversamento pedonale di viale Pola. Il mezzo, che ha continuato a circolare regolarmente, è stato identificato in serata a causa delle tracce lasciate dall’impatto. Il conducente, rintracciato nella propria abitazione e indagato per omicidio stradale, dichiara di non essersi accorto di quanto avvenuto. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, suffragata dalle dichiarazioni dei testimoni e da una registrazione video, l’anziano è caduto prima del sopraggiungere dell’autobus, forse a causa di un malore improvviso.

6 marzo 2017

“Neanderthal: romani gli uomini più antichi d’Europa”. Lo straordinario annuncio dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia fa riferimento a nuovi studi sui reperti della valle dell’Aniene, portati avanti in collaborazione dei paleontologi delle Università Las Sapienza, Tor Vergata e Roma 3. Attraverso la correlazione tra cicli sedimentari e variazioni globali del livello del mare, gli studiosi possono datare con accuratezza i terreni in cui sono stati fatti i ritrovamenti. I crani di Saccopastore risalirebbero, dunque a 250.000 anni fa, essendo ben più vecchi di quanto creduto sino a oggi.  Essi rappresentano, insieme ai reperti di Monte delle Gioie, Sedia del Diavolo, Ponte Mammolo e Casal de’ Pazzi, la più antica testimonianza nota di Neanderthal sul suolo europeo.

21 aprile 2017

Un pino secolare crolla su Corso Trieste, all’altezza della scuola Santa Maria Ausiliatrice in via Dalmazia, proprio dieci minuti prima della campanella di uscita di bambini e ragazzi. Il tronco colpisce due automobili parcheggiate, distruggendole, senza provocare feriti. L’incidente causa la chiusura della strada in entrambe le direzioni, mandando il traffico in tilt. A distanza di un mese dalla caduta, i resti dell’albero sono ancora in mezzo ai parcheggi, col serio rischio che la disattenzione di un passante fumatore li trasformi nell’innesco di un incendio.

15 maggio 2017

Nel pomeriggio di sabato 15 maggio l’ex magistrato Antonio Mimmo viene aggredito da due malintenzionati proprio nell’androne di casa sua, in via Asmara. Uno dei due afferra l’anziano per il collo, immobilizzandolo, mentre l’altro lo deruba del portafogli. I rumori hanno, però, messo in allerta il portiere che è intervenuto, causando la fuga degli uomini con il bottino. La corsa dei due è interrotta dagli agenti del commissariato Vescovio, che procedono immediatamente all’arresto. Si tratta di due romeni di 25 anni con precedenti penali.

 

26 giugno 2017

L’incubo di un possibile attacco terroristico raggela il Quartiere Africano. Sarebbe stata telefonata anonima arrivata alla polizia a far scattare l’allarme bomba in piazza Annibaliano. Gli artificieri si recano immediatamente sul posto, dove viene rinvenuta una valigia abbandonata proprio di fronte all’ingresso del Mcdonald’s. Chiuso l’accesso alla piazza, al locale e alla metropolitana e bloccato il traffico per procedere ai controlli, nella valigia vengono ritrovati soltanto alcuni vestiti.

  3 luglio 2017

L’Italia intera e il quartiere Trieste-Salario piangono la scomparsa di Paolo Villaggio. L’attore e sceneggiatore muore a 84 anni nella clinica privata Paideia, dove era ricoverato da giorni a causa delle complicazioni dovute al diabete. L’attore originario di Genova viveva da anni nel villino di via Anapo 5, circondato dal rispetto e dall’affetto dei vicini che lo ricordano come una presenza discreta in tunica bianca, tra i banchi del mercato di via Chiana e i sentieri di villa Ada. Ha regalato agli italiani uno specchio con cui confrontarsi, il personaggio di Fantozzi, che difficilmente potrà essere dimenticato.

 

5 agosto 2017

Dalle finestre aperte arriva l’odore di bruciato. I cittadini si svegliano nel pieno della notte a causa delle forti esalazioni che segnalano il diffondersi di una nube tossica, forse originata dall’incendio divampato nel pomeriggio di venerdì 4 agosto tra via di Portonaccio e via Filippo Fiorentini. I fumi si propagano fra via Nomentana e corso Trieste e i Parioli, rendendo l’aria irrespirabile e destando forti preoccupazioni per la salute pubblica.

 

24 settembre 2017

Dopo un anno e mezzo apre il chiosco del Parco Nemorense. Il bando comunale per l’assegnazione degli spazi all’interno del parco cittadino era stato vinto a fine 2015 da un’associazione di piccole imprese, guidata da Barikamà, la cooperativa fondata da ragazzi africani scappati dalla schiavitù dei campi di Rosarno nel 2010. Il locale, di proprietà del Comune di Roma, era stato chiuso per irregolarità della precedente gestione, che aveva continuato la propria attività abusivamente nonostante la concessione scaduta.

 

16 ottobre 2017

Un vuoto si apre a via Ticino, proprio dietro il Coppedè. Nonostante le proteste dei cittadini e le prese di posizione di associazioni come Italia Nostra, lo storico edificio degli anni ’30 del civico 3 viene raso al suolo. Il villino ospitava il convento delle Ancelle concezioniste del Divin cuore e negli anni ’50 aveva subito interventi di sopraelevazione: sarebbe quest’ultimo dettaglio ad aver legittimato la demolizione, svincolando l’edificio dalla tutela. Al suo posto sorgerà un moderno condominio di lusso, ideato dall’archistar Alessandro Ridolfi, presidente dell’ordine degli architetti di Roma. Una ferita inguaribile sul volto del quartiere, sfregiato dalla costruzione di un edificio che, da quanto si deduce dai progetti, non si armonizzerà con il contesto architettonico preesistente.

 

16 novembre 2017

Lascia tutti con il fiato sospeso la notizia della possibile chiusura del Piper Club. Il 16 novembre va all’asta lo storico locale di via Tagliamento 9, frequentato dalle stelle della musica italiana e internazionale che aveva aperto i battenti nel febbraio del 1965. L’annuncio è stato inserito in ottobre dallo Studio Legale Proietti e l’intero immobile è valutato a un prezzo base di 1.676.000 euro. L’asta, però, viene sospesa. Non è la prima volta che accade qualcosa di simile: già nel 2007, in seguito al fallimento della società Luna srl, proprietaria delle mura del locale, il Piper era stato messo all’asta per una cifra ben superiore: due milioni e ottocentomila euro. Anche allora si era temuto il peggio, ma nessuno aveva potuto acquistare l’immobile. Nonostante i timori per quella che sembrava la futura perdita di un vero e proprio pezzo di storia, il Piper Club continua a riempire di musica e divertimento le notti capitoline.

 

Dicembre 2017

La Storia del Trieste-Salario diventa un libro. Prosegue il progetto “CommunityBook” di Typimedia Editore con la pubblicazione di un nuovo volume dedicato al Trieste-Salario: un racconto della sua storia dagli albori dell’uomo fino alla più vicina contemporaneità, corredato da scatti in bianco e nero dei luoghi fulcro della narrazione. Una narrazione che è quasi una passeggiata nel quartiere, attraverso le epoche e gli eventi che hanno plasmato la storia del Trieste-Salario e di tutta la città.