In via Nomentana sta aprendo il cantiere per la nuova Ciclabile Nomentana, un intervento tanto atteso che dovrebbe concludersi entro i primi mesi del prossimo anno, con un investimento di 1,7 milioni di euro, fondi stanziati dal Ministero dell’Ambiente.

Nei prossimi giorni l’azienda addetta ai lavori, dopo aver collocato la segnaletica che avvisa dei lavori in corso, si occuperà di delimitare l’area del cantiere. Ma i cambiamenti non comporteranno alcuna modifica permanente alla viabilità, secondo quanto dichiarato da Roma Servizi per la mobilità sul proprio sito.

Il progetto della Ciclabile Nomentana prevede un percorso di ciclovia lungo 3,8 chilometri che partendo da via Nomentana in prossimità di Porta Pia conduca fino a via Valdarno. La ciclabile correrà in direzione piazza Sempione/Montesacro sul lato destro della carreggiata di via Nomentana sino a Batteria Nomentana. A quest’altezza il percorso passerà sul lato sinistro verso via Tembien, arrivando all’incrocio con via Val d’Aosta e infine a via Valdarno dove si prevede il ricongiungimento con la ciclabile già esistente, il cui percorso si snoda lungo via dei Campi Flegrei per raggiungere villa Ada. L’intero percorso sarà protetto da cordoli di gomma per garantire la sicurezza dei ciclisti e occuperà soltanto una porzione ridotta del marciapiede.

Di fatto, la ciclabile per gran parte correrà quindi lungo il confine del Trieste-Salario e all’interno del II Municipio, permettendo agli amanti delle due ruote di avere un asse di scorrimento che dal quartiere conduce alla zona circostante la stazione Termini senza dover correre i rischi attuali su una delle strade più trafficate e pericolose della Capitale qual è, appunto, la Nomentana.

La durata dei lavori è stimata in 400 giorni, con la conclusione prevista per febbraio 2019. La realizzazione della nuova pista ciclabile porterà anche dei benefici al contesto urbano in cui essa va a collocarsi, permettendo il recupero dell’area: verrà riqualificata la rete dell’illuminazione pubblica, con particolare attenzione ai lampioni liberty, è previsto il rifacimento del marciapiede, l’abbattimento delle barriere architettoniche e verranno piantati nuovi platani, che vadano a rinfoltire l’alberatura già esistente. Inoltre, nel tratto della Nomentana compreso tra via Antonio Nibby e via Carlo Fea verrà aperto un sottopassaggio pedonale protetto. Tutto questo comporterà certamente il sacrificio di alcuni parcheggi, ma il II Municipio si sta muovendo per consentire ai residenti di parcheggiare in modo gratuito anche in un quadrante diverso da quello attualmente previsto, onde superare il disagio provocato dal mutamento dell’area.

 

Cantiere della ciclabile Nomentana: scattano i divieti di sosta

La prima fase dei lavori durerà fino al 30 aprile, interessando il tratto della Nomentana compreso tra Porta Pia e viale Regina Margherita. Già da venerdì 19 gennaio 2018 sono scattati i divieti di sosta temporanea lungo via Nomentana: fino al 30 aprile non sarà possibile parcheggiare sulla strada, dal civico 2 fino all’incrocio con viale Regina Margherita, pena la rimozione forzata dell’automobile trovata in divieto di sosta. Lo stesso provvedimento è esteso al tratto compreso tra via Antonio Nibby e via Carlo Fea, nel controviale di destra in direzione viale XXI Aprile, ma in questo caso il divieto durerà fino al 31 dicembre 2018. Questo divieto è in vigore anche su via dei Villini e via Andrea Vesalio, su entrambi i lati, per i 15 metri che precedono l’incrocio con via Nomentana.

 

 

(Sara Fabrizi)